È ora di leggere la Bibbia

Un manuale di “auto-aiuto biblico”, in cui Federico Tartaglia presenta uno per uno i 73 libri della Bibbia, mostrando perché non possiamo non leggerla tutta, se vogliamo dirci cristiani. Una proposta innovativa, che affianca al libro un canale Youtube con video di presentazione dedicati a ogni libro biblico. Prefazione di Bruno Maggioni. Quante, tra le persone che conosciamo, legge la Bibbia? Quasi nessuno. Tra i tanti libri di devozione che affollano il mondo cattolico, la Bibbia è diventata quasi un optional. Non se la passano meglio nemmeno preti, frati e suore, che leggono la Bibbia «a pezzettoni», seguendo la liturgia, e nella maggior parte dei casi non provano quasi mai a leggere per intero i libri dell’Antico Testamento. Parola di don Federico Tartaglia, autore di È ora di leggere la Bibbia (e ti spiego come fare).

  • Formato: ND
  • Pagine: 480
  • Costo: 24,90 €

In libreria e ebook dal 6 febbraio 2018

Questo libro ha una sola ragion d’essere, dichiarata nel prologo: spingere il lettore a leggere la Bibbia, per provare a costruire un rapporto davvero personale con essa e a innamorarsene. Un “folle viaggio”, lo definisce Federico Tartaglia: la traversata di 73 libri, scritti lungo un arco temporale che sfiora i duemila anni.
Il “folle viaggio” è partito da una sfida: realizzare un video di introduzione per ognuno dei 73 libri della Bibbia riconosciuti come ispirati dalla Chiesa cattolica, oggi visibili sul canale Youtube Federico Tartaglia – Bibbia 73 e prossimamente anche sulla pagina Facebook di Àncora Editrice (@AncoraEditrice). Il progetto è poi proseguito con il libro, a formare un vero e proprio metodo di accompagnamento a quanti vogliono iniziare a leggere la Bibbia. All’inizio di ogni capitolo del libro è riportato un codice QR che rimanda al video corrispondente.
Lo stile dei video e del libro è informale e brillante: notizie essenziali per inquadrare la lettura del testo biblico, presentati con esempi comprensibili e attuali per cercare di trasmettere l’emozione di chi, inoltrandosi nella Bibbia, scopriva un libro che grondava umanità in ogni pagina, di un testo vivo che parla, e proprio per questo manifestava tracce sorprendenti della divina ispirazione.

Leave a Reply